Home Cultura La morbosità non è del libro di Siti, ma dei suoi detrattori